Qualità della coltura embrionale: temperatura

foto-blog-temperatura

 

Uno dei settori che si è maggiormente evoluto negli ultimi anni nell’ambito della riproduzione assistita è il laboratorio di FIV (fecondazione in vitro ).

Le percentuali di successo che otteniamo oggi nel trattamento superano di gran lunga quelle che si potevano ottenere fino a pochi anni fa. Senza dubbio, il modo in cui lavoriamo con gameti ed embrioni si è evoluto positivamente ed è una delle ragioni di questo aumento dei risultati.

Ora sappiamo meglio quali sono i requisiti degli embrioni da coltivare, riducendo al minimo lo stress indotto dalle tecniche che eseguiamo. Abbiamo migliorato la composizione dei terreni di coltura che fungono da supporto vitale e, in breve, abbiamo adattato lo spazio e le condizioni ambientali dei nostri laboratori per imitare ciò che accade nel tratto riproduttivo materno.

Questo compito non è facile: parametri come la luce, l’umidità, la pressione, la temperatura, la qualità dell’aria, ecc. sono fondamentali e sappiamo che l’ambiente nelle tube di Falloppio o nell’utero ha poco a che fare, a priori, con quello di una stanza attrezzata come un laboratorio.

Come possiamo raggiungere questo obiettivo? Grazie alle tecnologie sviluppate negli ultimi anni, come ad esempio la nuove incubatrici che utilizziamo nei laboratori di Ovoclinic, che mantengono le condizioni di coltivazione in modo più rigoroso e continuo e, inoltre, tutti quei controlli e quelle misurazioni che effettuiamo quotidianamente in laboratorio per garantire che le condizioni siano le migliori e che rimangano stabili nel tempo.

L’IMPORTANZA DELLA TEMPERATURA IN LABORATORIO

L’impatto che può avere sui nostri embrioni e quindi sulle probabilità di successo del trattamento è enorme. Ad esempio, il controllo della temperatura. Di solito lavoriamo con gameti ed embrioni a 37ºC, ma dobbiamo misurare questa temperatura su base giornaliera, poiché agenti esterni come cambiamenti stagionali, variazioni del clima della stanza, ecc. …. possono causare fluttuazioni.

A prima vista, può non sembrare molto grave se la temperatura oscilla di mezzo grado Celsius, ma sappiamo che queste piccole variazioni possono avere un impatto negativo sugli embrioni. Nell’ovocita sono presenti strutture cellulari fondamentali per il riarrangiamento dei cromosomi durante le divisioni che l’embrione dovrà subire. Queste importanti strutture sono termolabili, il che significa che si depolimerizzano (si rompono) e si ripolimerizzano in base alle variazioni termiche.

In alcuni di questi processi di polimerizzazione-depolimerizzazione, poiché queste strutture sono collegate e servono da guida per i cromosomi durante la loro disposizione, alcune di esse possono non essere distribuite correttamente. Di conseguenza, le cellule generate dall’embrione durante le sue divisioni non avrebbero un numero adeguato di cromosomi (embrioni aneuploidi), il che aumenta notevolmente la probabilità che questi embrioni interrompano il loro sviluppo nei primi giorni di vita embrionale o in seguito, dando luogo a test di gravidanza negativi o aborti precoci.

Esistono numerose pubblicazioni scientifiche che mostrano differenze nel tasso di euploidia/aneuploidia (embrioni con dotazione cromosomica normale o anormale) tra diversi laboratori in gruppi di pazienti con età e diagnosi simili. Gli autori di queste pubblicazioni giustificano queste differenze sulla base dell'”ambiente” di laboratorio o, in altre parole, delle condizioni di coltura a cui sono sottoposti gli embrioni.

È chiaro quanto sia importante controllare questi parametri che definiranno la distribuzione genetica dei nostri embrioni e, quindi, la possibilità di trattamenti di successo. Grazie a queste conoscenze, oggi disponiamo di una norma di qualità specifica: la UNE 179007, per i laboratori di riproduzione assistita, che definisce quali caratteristiche deve avere il laboratorio e quali parametri ambientali devono essere monitorati per garantire il minimo impatto negativo sullo sviluppo degli embrioni.

 

o-ovoclinic-calidad-2021Senza dubbio, un laboratorio certificato con questo marchio di qualità offrirà ai pazienti una maggiore garanzia sulla sicurezza della loro coltura embrionale e, di conseguenza, tassi di successo più elevati.

 
Aurea-Garcia-ovolearning
Aurea García Responsabile del Laboratorio Ovoclinic Madrid